Android 4.4 kitkat e Nexus 5

n5-copertina



Hardware &…

trans Recensione Nexus 5 by Google   agemobile.com recensioni  Nexus 5 Google Eccovi le caratteristiche tecniche del Nexus 5 by Google:

  • CPU quad-core a Snapdragon 800 a 2,26 GHz
  • Fotocamera posteriore da 8 megapixel
  • Fotocamera anteriore da 1,3 megapixel
  • Batteria da 2’300 mAh
  • Display 5″ IPS 1920 x 1080 Full HD
  • Sistema operativo Android 4.4 KitKat
  • 16 GB di memoria interna NON espandibile tramite microSD
  • Supporto LTE
  • 2 GB di RAM
  • Connettività HSPA, Wi-Fi, Bluetooth, NFC, GPS.
  • Lunghezza: 137,8 mm – Larghezza: 69,17 mm – Spessore: 8,59 mm
  • Peso: 130g

Materiali

I materiali di questo Nexus 5 sono pregiati e lussuosi, non ho notato alcun problema di assemblaggio e il terminale risulta essere splendido sia alla vista che al tatto.

Da rilevare anche una buona compattezza, leggerezza e sottigliezza dello smartphone.

Quindi davvero complimenti sia alla LG che alla Google per il design di questo Nexus 5.

DSC_0025


Display

LG Nexus 5 ha un display da 4.95 pollici con tecnologia IPS e risoluzione Full-HD e quindi 1920×1080 pixel. Si tratta di un display molto buono seppur leggermente inferiore ad esempio ad LG G2, per quale motivo?

Il display sembra eccessivamente retro-illuminato, infatti osservando in diagonale gli angoli inferiori e superiori si notano le luci bianche della retro-illuminazione. Tralasciando questo aspetto mentre il display di G2 è più fedele riproducendo bianchi in modo eccepibile e neri profondi, su Nexus 5 abbiamo si una qualità ottimale ma ci ritroviamo dei bianchi leggermente più giallognoli e dei neri meno scuri e tendenti al grigio.

La luminosità è leggermente superiore rispetto al Nexus 4 e un pelo inferiore rispetto ad LG G2. Anch’essa quindi ottima così come l’angolo di visuale che non distorce i colori se non in alcuni casi quelli scuri.

DSC_0035


Fotocamera

Fotocamera da 8 megapixel, stabilizzatore ottico e HDR+. Un sensore abbastanza buono soprattutto in condizioni ottimali di luce, fedele nei colori soprattutto con le foto scattate con HDR+. Il processo di rendering delle foto in HDR+ avviene in tempi molto brevi, minori rispetto a quelli HDR di Nexus 4.

DSC_0027


Audio

Durante i rumor ci si aspettava un audio eccelso alla vista di ben due griglie per l’uscita audio, in realtà solo una contiene l’altoparlante mentre l’altra il microfono. Se dunque dalla griglia destra del vostro Nexus 5 non sentite uscire nessun rumore niente paura, è semplicemente fatto così (domanda che ci è arrivata).

Qui, Google ed LG, hanno ancora molto da imparare in quanto l’audio purtroppo non è niente di eccezionale ed il fatto che l’altoparlante si trovi sulla parte inferiore sinistra risulta abbastanza scomodo quando si va a giocare in quanto si rischia di coprire la griglia con la mano e non sentire più niente.

Per il resto il volume non è elevatissimo ma nella media (ho provato anche qui a confrontarlo con LG G2 non notando differenze evidenti).

Al livello massimo comunque genera una vibrazione della scocca del telefono abbastanza fastidiosa soprattutto durante i suoi più acuti.

DSC_0024


Batteria

La batteria di LG Nexus 5 è da 2300 mAh e consente un’autonomia di medio livello. Un 700 mAh in più sicuramente non avrebbe fatto male a questo top di gamma tuttavia il prezzo è contenuto e una decisione tale può essere accettata fra i compromessi.

In media il dispositivo riesce a stare con il display acceso dalle 2 alle 4 ore su un totale di 10 o 7 ore.

DSC_0036


Software

bug-taskAndroid 4.4 KitKat è la versione del software pre-installata sul Nexus 5. E’ il primo terminale ad avere tale versione di Android e si nota. Si nota a causa di alcuni bug grafici che vengono riscontrati di tanto in tanto e risolvibili tramite un riavvio oppure come quello del task manager in landscape che solamente Google può risolvere (immagine a destra).

Tuttavia sia esteticamente che come performance probabilmente non abbiamo mai visto un Android così pulito e veloce fino ad oggi; sarà per il processore Snapdragon 800, sarà per i 2GB di memoria RAM, il sistema operativo non si è mai bloccato e non ha mai ceduto nemmeno sotto stress cambiando velocemente applicazioni e/o giocando. In linea generale Android KitKat mi ha reso molto soddisfatto, anche grazie all’introduzione di alcune piccole funzionalità che ormai erano presenti su tutte le versione “customizzate” dai produttori di smartphone come ad esempio il richiamo della barra delle notifiche quando è aperta un’applicazione in full-screen.

DSC_0034

Diverse novità poi sono presenti nel menu delle impostazioni:

  • Sezione Home: per selezionare quale launcher, fra quelli installati, avviare in modo predefinito;
  • Sezione Touch & Pay: per selezionare quale applicazione per i pagamenti tramite NFC rendere predefinito;
  • Sezione Printing: per configurare le stampanti in rete;
  • Geolocalizzazione: non è una voce nuovamente ma è stata interamente modificata per rendere più semplice e intuitive le impostazioni di localizzazione.

Riguardo invece le novità relative alle applicazioni troviamo:

  • Client Email: design rifatto in pieno stile Gmail
  • QuickOffice preinstallato
  • Lockscreen con i comandi rapidi che compaiono durante la riproduzione della musica
  • Applicazione Download ridisegnata ora con un tema più white
  • Possibilità di attivare i sottotitoli nei video attraverso il comando apposito sotto il menu Accessibilità
  • Home screen su cui è possibile creare nuove schede
  • Google Now integrato nella home screen (con possibilità di rimuoverlo)
  • Integrazione degli SMS in Hangouts
  • Applicazione telefono rinnovata in stile Persone

Decisamente il nuovo Android 4.4 KitKat impone nuovi standard, questa volta meno incentrati su una colorazione tendente al blu a favore di una colorazione più White&Black. Anche diverse icone sono state ridisegnate con uno stile più piatto e relativamente tondeggianti.

In sintesi un Android nuovo, con giacca e cravatta, decisamente più serio e pulito di prima.


In conclusione

In conclusione riprendo una frase scritta ad inizio recensione: Nexus 5 è assolutamente un dispositivo interessante ma soprattutto per chi arriva su questo smartphone da un device diverso o meno recente del Nexus 4. C’è stata infatti sì una serie di migliorie ma non così tante da giustificare, a mio parere, un passaggio al Nexus 5.

A rendere ancora più appetitoso Nexus 5 comunque è il prezzo: disponibile fin dall’inizio anchein Italia grazie al Google Play Devices lo si può acquistare al prezzo di 349 euro nella versione da 16GB (Nero o Bianco) o al prezzo di 399 euro nella versione da 32GB (Nero o Bianco).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...